Associazione Speleologi Molisani
Associazione Speleologi Molisani


Sito in costruzione!Sito in Costruzione!!!

Visitors Counter

40098
TodayToday10
YesterdayYesterday25
This_WeekThis_Week117
This_MonthThis_Month561
All_DaysAll_Days40098

Seguici su Facebook:   https://www.facebook.com/speleomolise.it/

 

 

dsfjkh <gjgfj r gsf jg

 

 htth

sd sh thrhtr 

Cul di Bove

La storia di questo abisso è singolare: a partire dal luglio del 1989, nel breve volvere di un'estate, un incessante lavoro di disostruzione da parte di tre speleologi, ed una serrata campagna di esplorazione, portava già alla profondità di 906 metri. Mai nella storia della speleologia mondiale una grotta ha visto tanti speleologi, italiani ed esteri, partecipare in tempo così ridotto, alla sua esplorazione.

L'abisso Cul di Bove è una grotta molto tecnica, difficile, ricca di salti, meandri, condotte, laghi, cascate e frane; per scendere sul fondo e risalire in superficie, cosa che ben pochi riescono a fare, anche a grotta già attrezzata, sono necessarie una trentina di ore. Oltre al tempo, richiede grande dispendio di energie nel trasporto dei materiali per la parte verticale. Il grande meandro, infatti, precipita dopo quasi tre chilometri in una serie di ampi pozzi sferzati dall'acqua del ruscello, molto pericolosi in caso di piogge esterne quando il torrente va in piena e rende problematiche discesa e risalita. (T. Bernabei). Questa grotta è ancora tutta da esplorare nei rami laterali e nelle varie risalite che si intravedono. Probabilmente la stessa è in comunicazione con Pozzo della Neve, ma finora non si è approdati alla congiunzione. La curiosità potrebbe consigliare desideri di avventure; pericolosi, se attuati senza la guida di chi conosce gli abissi e le tecniche specifiche per procedervi.

vsd

xcvdv

Pozzo della Neve è stato definito da Tullio Bernabei, suo principale conoscitore, l'Abisso dei Sogni, che costrinse ad inenarrabili fatiche i suoi esploratori, ma che gratifica con la propria bellezza. E' il quarto abisso d'Italia custodito gelosamente in uno scrigno luminoso a 100 metri di profondità da un sifone pensile, guardiano assopito del fantastico mondo sotterraneo... L'abisso presenta due ingressi: L'ingresso secondario, a quota 1368 m., fu aperto artificialmente nel 1984; dà accesso ai Rami Alti ed è idrologicamente l'inizio del complesso sistema di Pozzo della Neve. I rami, della lunghezza planimetrica di 1,4 chilometri, sono particolarmente belli; scavati nel bianco calcare a rudiste nel primo tratto sono fossili, per poi divenire particolarmente attivi a circa un chilometro dall'ingresso e ad una profondità di 100 metri. Il meandro prosegue fino alla sommità di un pozzo che è il secondo pozzo dall'ingresso principale. L'ingresso principale, a quota 1330, è il vecchio ingresso del Pozzo della Neve; costituito da una ripidissima dolina sprofonda subito in un pozzo di 30 metri intersecando poi i Rami Alti. Scendendo ancora un pozzo si giunge al sifone che chiude l'accesso alla grotta per gran parte dell'anno. Da questo punto la grotta inizia a scivolare verso il fondo senza interruzioni passando per caratteristiche gallerie, laghi, ampie sale e profondi pozzi fino alla profondità di 895 metri. Qui la fessura del casco chiudeva l'abisso. Una costante opera di disostruzione, da parte di speleologi nazionali e internazionali, ha permesso il superamento della strettoia e, dopo altri 150 metri di pozzi il raggiungimento dell'attuale profondità di circa 1045 metri dal punto d'ingresso attraverso uno sviluppo di circa 13 chilometri. Tra le tante cose da vedere, si cita il suo lunghissimo Bianco Meandro, tra i più belli in assoluto di tutte le grotte italiane. Ma la storia di questa grotta non finisce qui: il potenziale esplorativo è ancora eccezionale.